Sara Alice Manis presenta “Alle origini del Dracula di Bram Stoker”

di Cloe
Sara Alice Manis

Sara Alice Manis presenta

“Alle origini del Dracula di Bram Stoker”: dal folklore alla letteratura

 

DICONO DEL LIBRO

 

Mi è difficile trovare le parole giuste per descrivere quest’opera. La cosa che più mi ha sorpreso è stata l’abilità dell’autrice nel riuscire a intrecciare la solidità di una minuziosa trattazione accademica a continui riferimenti e aneddoti che coinvolgono i campi più disparati.
Questa sinergia rende il lavoro convincente e coinvolgente, particolarmente apprezzabile sia a livello di saggio, che di romanzo.

 

Consiglio vivamente di guardare prima i video di approfondimento dell’autrice sulla sua pagina Facebook, per poi gettarsi a capofitto nella lettura. Gli approfondimenti dell’autrice rendono ancora più accattivante la lettura. La lettura di questo geniale lavoro è un vero piacere: da leggere e rileggere!

 

TRAMA

Tutto il mondo ricorda il Dracula del grande schermo. Pochi, però, ne conoscono la versione letteraria e hanno letto il capolavoro dello scrittore irlandese Bram Stoker. Malgrado l’immeritato trattamento riservato all’autore, il Conte Dracula è senza dubbio entrato nell’immaginario collettivo, al punto da venire totalmente identificato col vampiro in genere. Quanto, però, questa figura dell’immaginario comune ha del personaggio di Stoker? Quanto, invece, è dovuto a contaminazioni successive, anche e soprattutto in ambito cinematografico? E infine, in che misura il Conte era stato inventato da Stoker e quanto quest’ultimo aveva invece attinto alla letteratura gotica e, soprattutto, al folklore e alle tradizioni dell’Europa centro-orientale? Questo appassionato saggio critico si propone di contrastare la tendenza che ha reso immortale un personaggio, dimenticando un artista, che fu non solo grande scrittore, ma anche giornalista, critico, impresario teatrale ed emblematica figura del suo tempo.

Perché ho scritto questo libro?

L’amore, nelle sue innumerevoli forme, mi ha spinto a scrivere questo libro e mi ha ispirato sempre.
Amore per il mito, la letteratura, la scrittura immortale e il romanzo gotico. Amore per l’Irlanda, i suoi paesaggi, i suoi colori, le sue luci e ombre e per i tanti volti che hanno animato il mio anno a Dublino. Amore per un autore ingiustamente negletto, per il suo talento e per il suo essere isolano (come me), con tutti i conflitti interiori che questo comporta.

 

L’AUTRICE

Sara Alice Manis
Ho sempre amato i libri. Ricordo la soddisfazione quando imparai a leggere le prime parole, la sensazione di libertà, man mano che andavo più spedita nel riconoscerle. Dopo la buonanotte dei miei genitori mi nascondevo sotto le coperte con una piccola torcia per poter leggere, indisturbata, i miei romanzi preferiti. La passione per la lettura ha poi portato a quella per la letteratura e per le lingue. L’incontro coi grandi classici ha fatto sì che in me il sogno di diventare scrittrice facesse capolino e diventasse, con gli anni, sempre più insistente. A lungo io e mio padre abbiamo fantasticato di scrivere un romanzo a quattro mani. Gli anni e la vita mi hanno portato a specializzarmi nelle lingue straniere, a lavorare nei settori più disparati, ad acquisire sempre più esperienza in ambito commerciale. Il sogno di scrivere, però, non mi ha mai abbandonato.

LINK PER PREORDINARE IL LIBRO

 

Questo libro è stato segnalato da Cloe Marcian.

www.cloemarcian.com

Per interviste articoli recensioni promozione libri e pubblicità, scrivimi in privato su Cloe Marcian a ore pasti: cioè sempre.

 

 

Ti Potrebbero Interessare anche:

Lascia un Commento